Esplora contenuti correlati

Strumento di supporto tecnico alle riforme (TSI)

Il Regolamento (UE) 2021/240 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 10 febbraio 2021, ha istituito uno Strumento di sostegno tecnico (“Technical Support Instrument”, TSI) quale successore del programma di supporto alle riforme strutturali SRSP lanciato nel 2015 su iniziativa del Presidente Junker e che ha operato nel periodo 2017-2020.

In continuità con il precedente, il Programma può offrire assistenza tecnica a ogni Stato Membro (che può anche fornire la propria expertise) per istruire e sviluppare riforme strutturali con riferimento a tutte le politiche pubbliche, in settori quali la contabilità pubblica ed ambientale,  l’organizzazione dei mercati finanziari, la digitalizzazione della pubblica amministrazione, la selezione e la formazione dei dipendenti pubblici, il contesto imprenditoriale, il mercato del lavoro, i servizi socio-sanitari, la gestione dei flussi migratori.

Nella nuova edizione il programma è stato rafforzato e soprattutto ampliato nello scopo, essendo orientato anche a sostenere la predisposizione e l’attuazione dei Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR) e la capacity building, focalizzando l’attenzione sui temi della transizione verde e digitale  nonché ad affiancare le ulteriori politiche della Commissione in tema di crescita inclusiva, intelligente e sostenibile anche attraverso il ricorso ai nuovi strumenti di programmazione dei fondi SIE, introdotti dalla programmazione 2021–2027.

Le call for proposal hanno cadenza annuale, e la scadenza per la presentazione delle proposte alla DG Reform cade il 31 ottobre di ogni anno. A partire dall’annualità 2022, rispetto alle precedenti edizioni del programma:

  • è stata incoraggiata la predisposizione di progetti ad alto valore aggiunto presentati congiuntamente da diversi Stati Membri (multi-country), non necessariamente confinanti;
  • sono stati introdotti i “progetti flagship” di supporto tecnico, che focalizzano su priorità proposte dalla DG Reform e condivise tra Commissione europea e Paesi membri (si riporta in calce alla Nota un paragrafo sui 13 progetti flagship individuati per la prossima edizione del programma). La presentazione di progetti “flagship” rappresenta una opportunità ma non un vincolo per i Paesi Membri.
Torna all'inizio del contenuto